Fiore di Lucania | Inno Ruralità Lucana (Unione Musicisti di Basilicata)

Il videoclip realizzato da Giuseppe Marco Albano dell'Inno musicale della Ruralità Lucana, scritto da Gianpiero Francese, Giovanni Sileo e Nicola Manfredelli, arrangiato da Antonio Deodati e interpretato dal Gruppo UNIONE MUSICISTI DI BASILICATA, composto da Graziano Accinni, Agostino Gerardi, i Renanera, i Cant'Ieri, Danilo Vignola, Giò Didonna, i Suoni di Terranova del Pollino, i Basiliski Roots, Antonio Nicola Bruno, Tiziano Cillis, la Banda musicale di Melfi. Con la partecipazione speciale di Dino Paradiso e del trio La Ricottta. Tantii bravissimi artisti e musicisti lucani che hanno condiviso l'originale progetto promosso dal Gal Csr Marmo Melandro. Si tratta di un racconto artistico video musicale che abbraccia le più importanti prelibatezze enogastronomiche dei luoghi della Basilicata.«Fiore di Lucania» un brano per il nutrimento umanoFiore di Lucania (G. Francese, G. Sileo, N. Manfredelli) La vita nu m’ dà nu poc d pacLa vita nu m’ dà nu poc d lucLa vita nu m’ dà, nu me dà, nu me dàMa si c’ vuò pensà…E si fa tropp fridd p’ tutt l’invernoM’ mang lu furmagg d’ MoliternE se a Muro Lucan scav nu purtusT zompa assopa li man nu sort d’ tartufE se ti voui levare la cammisT rong u’ Peperon d’ SenisFamm sta buon e numm fa pensàA tutte chelle cos ca la vita nun me dà Nun me dà num me dà e nun me dà E quann a medicina è troppo amaraAttaccat a’ nu’ cap’ e salame e CanellaraIuorno e notte, sera e matinaA meglia cura è l’olio ‘e FerrandinaE se ti vuoi sentire nu’ Re ntà nù castello Nu’ t’a’ d’a’ mai mancà a zopersata di Rivello Famm sta buon e numm fa pensàA tutte chelle cos ca la vita nun me dà Nun me dà num me dà e nun me dàE si ma lass sul e te ne vai luntanM’ mang u’ pecurin d’ FilianE po p’ fin’ e diavul d’ lu ‘nfiern’Sì vulessr abbuffà cu a’ sauzizz d’ Piciern’E p’ m’ fa passà da cuorp’ chesta smaniaM’ magn’ ‘u fior fior d’ la terra d’ LucaniaFamm sta buon e numm fa pensàA tutte chelle cos ca la vita nun me dàNun me dà num me dà e nun me dàInt’a li giardin addò s’ zappa e nun s’abbal a Tursi e Montalbano ‘ncappa ‘ncappa ‘u purtualle si attuorno a Satriano uè ti passa ‘u pensierino ma quante ne combina stu peperoncinoe po pe t’aggiustà sta vocca doce e bellanun ce sta niente e meglio a’ vernicocca ‘e RotondellaFamm sta buon e numm fa pensàA tutte chelle cos ca la vita nun me dà Nun me dà num me dà e nun me dàRionero Rapolla Barile e VenosaLa mano e lu bicchier so’ ‘na sola cosaE propt lì vicin sott’ alla montagnaC’ sta la grande Melfi e nu mar d’ castagnE se quelli di Sarconi so’ senza virtùSaranno i fagioli a fargli fare boom boom!Famm sta buon e numm fa pensàA tutte chelle cos ca la vita nun me dà)Nun me dà num me dà e nun me dàE po’ nun te’ dico e po’ nun t’ conta ma quant’è rossa rossa ‘a mulignan d‘ RontondaE Primm’ si scinn’ e po’ s’acchian’È qua ‘o casecavall’ e Pescopagan’Ma quann’e’ sera attuorno a cimmineraT’ basta ‘nu stuozzo e‘ pan’ d’ MateraFamm sta buon e numm fa pensàA tutte chelle cos ca la vita nun me dà Nun me dà num me dà e nun me dà



Tags:
ballata folk basilicata caciocavallo di pescopagano canzoni lucane cibo fagioli di sarconi lucania musica folk pane di matera peperone di senise so...